GIORGIO MORANDI

Oggi ricorrono i cinquant’anni della morte di Giorgio Morandi conosciuto in tutto il mondo per I suoi quadri ma anche perché il nostro Comune dal 1985 proprio in onore a Morandi il Comune divento Grizzana Morandi.
Le precedenti amministrazioni non sono mai riuscite o non hanno voluto creare un indotto per favorire l’offerta turistica su Grizzana spingendo sul fatto che abbiamo la casa di Giorgio Morandi e I famosi Fienili del Campiaro dipinti in alcuni quadri rimane la speranza che il nuovo assessore al turismo si impegni a ridare slancio dopo trent’anni di letargo.
Mirco Baldi
Capogruppo di minoranza Voltiamo Pagina

ImageG

Annunci

Considerazioni

Certamente dura quest’ultima campagna elettorale. Nonostante l’impegno profuso non solo dai candidati ma da tante persone che ci hanno aiutato in svariati modi, a loro, il mio/nostro personale ringraziamento, abbiamo perso 5 punti dalle precedenti elezioni Comunali.
Visto i risultati deve essere vero che nel nostro passato abbiamo sbagliato tutto; proprio tutto. Noi pensavamo che denunciando ai cittadini la poca , per non dire assente, democraticità di quella Giunta Comunale, gli sprechi di denaro pubblico, i lavori fatti male, le scuse adottate per prelievi fiscali, l’impossibilità della coesistenza del binomio parchi-agricoltura, il disinteresse verso il Sociale, una scuola che non vogliono aiutare a crescere, la mancanza di un Medico Pediatra in Val di Setta, gli unici presidi medici destinati ai cittadini sono stati collocati a Vergato, l’asservismo nei confronti degli Enti, Regione e Provincia che hanno di fatto portato al consenso per l’ Ospedale di Porretta con successiva chiusura del reparto maternità al quale tra poco seguirà la chiusura di pediatria; l’inutilità di una struttura come l’Unione dei Comuni che per i cittadini significa soldi buttati per continuare a mantenere in piedi una struttura che da anni doveva essere abolita, l’asservismo verso Hera e Cosea, un mancato collegamento tra le frazioni ed il Capoluogo, la devastazione del territorio riempendo un alveo di un fiume con terreno si scavo sul quale difficilmente prenderà vita un albero e che costituirà pericolo per piene improvvise del fiume Setta; una frazione, Pioppe, che si vuole mantenere isolata, il continuo menare con un cantiere che prosegue da oltre 10 anni destinato ad istituto scolastico quando sapevano benissimo che non si poteva fare una scuola per mancanza di materia prima, gli alunni; la mancanza di un lavoro nel Comune per i cittadini si pensava di fare un servizio ai cittadini, tutti, affinchè potessero toccare con mano, vedere con i loro occhi ciò che noi scrivevamo.
Evidentemente solamente noi ed il 25% che ci ha votato siamo sensibili a queste, diciamo, stranezze. Stranezze che vengono continuamente denunciate nelle chiacchere dei bar, nei colloqui con le persone quando vengono attuate dal Governo italiano, specialmente se a reggere le redini è un partito diverso dal PD.
Se invece a denunciare tutto questo sono una serie di cittadini, con orientamenti politici diversi, che cinque anni fa anno deciso di costituirsi in una lista per contrastare un partito che ha portato il Comune allo stato attuale manchiamo di credibilità. Cioè si va oltre il concetto di San Tommaso in quanto avevano la possibilità di ficcarci il naso (cioè toccare con mano) ma non l’hanno fatto. Se tanto mi da tanto di cosa possiamo ancora parlare se non di futilità, di cose inutili..
Noi su questo concetto facciamo fatica perché è in gioco la nostra stessa sopravvivenza, la vita dei nostri figli, nipoti e la stessa vita dei cittadini. Cioè non è che noi siamo sempre seri, ci piace ridere e scherzare, e quando ne sentiamo la necessità ci ritroviamo intorno ad un tavolo a cazzeggiare continuando una nostra sana e vecchia abitudine.
Abbiamo perso ma non siamo finiti da qui ripartiremo per altri 5 anni in minoranza unitamente al Movimento 5 Stelle ai quali rivolgo il mio/nostro personale benvenuti.
Wladimiro berni

RAMAGLIE SFALCI E POTATURE

Gli sfalci di provenienza domestica possono essere inseriti in particolare nei centri urbani all’interno dei contenitori posti con il coperchio marrone che sono posizionati sul territorio di molti nostri comuni ecco di molti ma non in quello di Grizzana in quanto nella frazione Pian di Setta mancano e I proprietari si trovano in difficoltà per lo smaltimento dello sfalci o potatura. Ma anche questo non è un problema per Cosa in quanto la multa la prende sempre il residente per aver messo un sacchetto d’erba all’interno del cassonetto allora bisogna pagare la TARI allora almeno che ci sia il servizio pet lo sfascio non si chiede tanto un cassonetto.
Allego foto pubblicitaria Cosea messa alla Fiera della Cipolla in quanto in piena campagna elettorale ora aspettiamo che dai manifesti si passi al concreto.

 

Image

STATUS QUO

Giovedì 12 Giugno 2014 alle ore 18.30 vi sarà il primo consiglio comunale della nuova legislatura cambiano il numero dei consiglieri, il nome dei gruppi di minoranza, ma le elezioni hanno confermato il sindaco uscente, confermando Grizzana Morandi il comune dove regna lo status quo da oltre sessant’anni così ha deciso il popolo sovrano.
Naturalmente prendiamo atto che ancora qui si vive nell’illusione che esista ancora una sinistra o una destra robe di altri tempi in quanto la destra non esiste più e la sinistra rossa diventa sempre più anemica.
Ringraziamo i.553 votanti che ci hanno dato fiducia noi cercheremo di svolgere un buon lavoro per il territorio grizzanese.
Il gruppo di Voltiamo Pagina per Grizzana

TARI ELETTORI GRAZIE

Dopo elezioni arriva subito il bollettino TARI da pagare ma chissà se durante la campagna elettorale la passata e futura maggioranza hanno fatto notare che gli 80 euro non basteranno a pagare tali gazelle?
Noi nell’ultima capigruppo abbiamo richiesto che le tariffe fossero discusse anche con le associazioni di categorie visto il momento di grave crisi finanziaria dell’impresa italiana e anche delle famiglie invece ecco.a voi il bollettino

 

Image

ELEZIONI COMUNALI 2014 : ABBIAMO PERSO NULLA E’ CAMBIATO

Ieri abbiamo avuto il risultato delle elezioni comunali 2014 si conferma sempre il sindaco Leoni con il 56%, noi di Voltiamo Pagina ci siamo piazzati al secondo posto con il 25%, per essere chiari i primi degli sconfitti.
Nononstante l’impegno profuso per tutta la campagna elettorale dal gruppo di Voltiamo Pagina che devo ringraziare non siamo riusciti ad ottenere il cambiamento dispiace dirlo ma tutti sono ancora legati al vecchio ed amato simbolo di partito qui è di moda da oltre sessant’anni PCI prima ora PD, tutti odiano la politica ma non vogliono cambiare.
Ringraziamo tutti gli elettori che ci hanno dato fiducia e anche se in minoranza il nostro lavoro comincia oggi saremo come abbiamo fatto nei cinque precedenti attivi e presenti, particolare che a molti è sfuggito o che hanno fatto finta di non sapere.
Siamo sconfitti ma non morti, l’unico dispiacere è che ancora una volta i grizzanesi vedono le elezioni comunali come le elezioni politiche, peccato un occasione perduta per cambiare una volta nella storia.
Concludo con una citazione di W.Churchill ” non sempre cambiare equivale a migliorare ma per migliorare bisogna cambiare”.
Mirco Baldi

Grizzana Morandi. Mirco Baldi riprova a ‘fare le scarpe’ al sindaco Graziella Leoni.

La lista civica ‘Voltiamo Pagina’ per le prossime amministrative sarà ancora in campo e a guidare la formazione politica grizzanese sarà Mirco Baldi, il 43enne imprenditore grizzanese che si è così presentato:

Vivo a Pian di Setta, sono sposato e ho due figli. Sono geometra e lavoro nella piccola azienda edile di famiglia. Anche dal mio lavoro, ho capito che molto del futuro che dovremo costruire insieme, lo troveremo nelle migliori tradizioni del nostro passato e della nostra storia. Sono già stato consigliere per la lista civica Voltiamo Pagina. Ho la speranza che, attraverso il civismo, si possano superare i partiti politici, ormai finiti nelle degenerazioni e nelle finte contrapposizioni politiche, e si possa far nascere una nuova classe politica locale e nazionale.

Coerente con questa convinzione maturata negli anni, insieme ai miei amici, ho voluto un gruppo aperto, curioso dei contributi di tutti e non prigioniero delle etichette politiche, spesso, ormai, meri alibi per piccole carriere all’ombra di ideologie e valori di un tempo. Infatti, i componenti del nostro gruppo sono di diversi orientamenti politici, ma uniti nell’amore per il nostro territorio e nella voglia di darsi da fare per migliorarlo e farlo crescere economicamente e civilmente.

A Grizzana Morandi non mancano le opportunità, a partire dall’ambiente naturale e dalle eccellenze storiche e culturali veramente uniche presenti. Ma anche l’agricoltura potrebbe diventare volano di un’economia legata al benessere delle persone, con produzioni di qualità e con aziende agricole capaci di fare economia e di presidiare il territorio.

Purtroppo, chi ci ha amministrato sinora ha dimostrato di non avere idee e proposte per arginare la crisi e, soprattutto, di non essere capace di UNIRE LA COMUNITA’ E DI MOBILITARE LE MIGLIORI ENERGIE, LE RISORSE E Le COMPETENZE CHE IN ESSA SI TROVANO.

C’è bisogno di andare oltre le divisioni e le appartenenze politiche e trovare un autentico spirito civico che dia a tutti la possibilità di dare un contributo per l’individuazione e la soluzione dei problemi del nostro paese.

Rendere possibile tutto ciò che oggi appare solo un sogno, dipende da tutti noi e il voto che chiediamo non basterà: dopo la sperata vittoria del nostro civismo, sarà necessario l’impegno di tutti i grizzanesi per VOLTARE PAGINA veramente, ridando una speranza di futuro al nostro Comune.

Dimostriamo insieme che la politica può non essere la ricerca dell’interesse privato, come sinora è stato, ma un servizio che si rende alla collettività in nome del Bene Comune.